Pasqua s’aggiusta

Questa mattina non ero sola al balcone. Vicino alla mia casetta tutta gialla, ce n’è una bianca. Sotto abitano i fratellini Vittoria ed Egidio, sopra un’anziana signora che non avevo mai visto.

Oggi si è affacciata, ha sistemato un tavolinetto piccolo e una bottiglia di acqua bella piena. Si è acconciata un po’ i capelli e a acceso un po’ il telefono in risposta a una videochiamata.

“Nonna ho fatto un casino: ci ho messo troppa farina, ho letto male!”

“Eh, aggiungi un po’ di latte, non succede nulla. Si aggiusta!”

Era lo stesso dubbio della mia coinquilina intenta a fare la pinza triestina.

Tra poco chiamerò la mia famiglia. Loro stanno insieme si fanno forza. Quella signora è sola, con i figli e i nipoti lontani, tuttavia tutto s’aggiusta.

Pubblicato da Miarrovello

Filosofeggiando di baggianate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: