Marì

Cara Marì,Te ringrazio de quella volta che per nasconde gli assorbenti, me si prestato un crocefisso che pesava come me.Forse questo era l’ultimo grande segreto che avevamo.Che se ci ripenso mo, sembra abbastanza blasfemo sia per quel crocefisso opulento, sia per la mia condizione di estrema vergogna inutile.Mi dispiace un po’ per la delusione piùContinua a leggere “Marì”

India

Domenica è la festa della mamma.La mia, come altre, è lontana.Sinceramente in uno stato di pandemia generale, il fatto che tutti i miei cari stiano bene, è già un enorme fatto positivo.Molti la pandemia se la sono già scordata.Ma sì, cose del Novecento.Oggi ho preparato le fettuccine di Campofilone con l’olio al tartufo.Sta mattina, mentreContinua a leggere “India”

Viva la mamma

Oggi è la festa della mamma.La mia, come altre, è lontana.Sinceramente in uno stato di pandemia generale, il fatto che tutti i miei cari stiano bene, è già un enorme fatto positivo.Molti la pandemia se la sono già scordata.Ma sì, cose del Novecento.Oggi ho preparato le fettuccine di Campofilone con l’olio al tartufo.Sta mattina, mentreContinua a leggere “Viva la mamma”

Leggere i Venti incipit

A Firenze c’era più sole, qui, ad Asciano, le nuvole sfrecciano veloci. Vado a pranzo dalla nonna Ina e glielo dico. La casa profuma di pomodori e ciccia ai ferri. “Alberta! Siediti! Giusta, giusta come sempre!” Le lasagne di nonna sono cariche e potenti di farcitura.  “Amore, ci siamo? Solo un giorno alla laurea! Cesare,Continua a leggere “Leggere i Venti incipit”